In una recente conferenza mi è stato chiesto come costruire corsi elearning migliori. Ho riflettuto su un paio di cose che ho fatto quando ho iniziato e su quelle che ho continuato a fare fino ad oggi. Ne ho parlato anche in questo articolo su come costruire le vostre abilità di elearning.

build-better-courses

L’apprendimento è un processo iterativo
In sostanza, si impara sempre qualcosa di nuovo, applichiamo ciò che impariamo, guardiamo i risultati, e quindi effettuiamo le regolazioni.

Il tuo primo progetto non sarà il tuo progetto migliore. Ripensando ad alcune delle cose che ho realizzato in passato nella mia carriera sono rimasto sorpreso su come io non sia stato cosparso di catrame e ricoperto di piume da chi doveva seguire i corsi.

Ricordo quella volta in cui ho insegnato alla gente come utilizzare questa nuova cosa chiamata Internet. Invece di fargli aprire Netscape per fare ricerche per le cose che li interessavano, ho trascorso un po’ di tempo per spiegare le caratteristiche dell’interfaccia, e mi sono concentrato su un sacco di informazioni senza importanza. Quello che avrebbe potuto essere un tempo di svago alla ricerca di cose interessanti divenne l’introduzione a Internet più noiosa del mondo. Come poteva essere meno convincente di così?

Se dovessi costruire quel corso oggi, lo rifarei in maniera molto diversa.

how-to-learn

Quindi, come costruire corsi migliori?

Focus sul discente. Abbiamo la tendenza a rendere il nostro corsi centrati sulle informazioni e per questo, ci concentriamo su come strutturare i contenuti presenti. Dovremmo concentrarci sullo studente e su come userà il contenuto, poi costruire delle attività per aiutarlo a metterle in pratica.

Chiedi un feedback onesto e cerca di applicare ciò che hai imparato al prossimo progetto. Questo suggerimento è un po’ impegnativo, perché richiede una certa vulnerabilità, ma richiede anche l’accesso a un esperto che può fornire un feedback rilevante. Questo è il motivo per cui è importante rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità della comunità.

Crea una cartella di idee da rivedere all’avvio di nuovi progetti. Raccolgo le idee da tutti i tipi di fonti. Aggiungo una nota a quello che mi ha ispirato al momento in cui ho salvato quell’idea per tenerne traccia. Quando voglio un po’ di ispirazione, le riguardo basandomi sulle mie annotazioni. Questo perché mi è capitato spesso di salvare un’idea e poi non riuscire a ricordare il motivo per cui mi era piaciuta.

elearning_corsi

Ritagliarsi un po’ di tempo per esercitarsi. Io di solito trovo una o due interazioni multimediali carine in internet ogni settimana. Provo a replicarle in Storyline 2. Non mi preoccupo di come appaiono. Mi concentro solo sul collegarle tutte insieme per vedere se riesco a ottenere un’interazione multimediale che funziona. Una delle cose che mi piace davvero di Storyline 2 è che posso prototipare rapidamente le mie idee. L’altra cosa che mi piace è che quando costruisco qualcosa partendo da un’idea, posso salvare il risultato come modello e diventa un’interazione riutilizzabile.

Fare una cosa nuova. Hai raccolto idee e hai tentato di prototiparle. Hai chiacchierato con gli altri e sollecitato feedback. Ora è il momento di mettere tutto in azione. Prendi un’idea e applicala a un corso vero e proprio. E ogni volta che si genera un nuovo corso, prova qualcosa di nuovo. So che non è sempre facile da fare in ambiente aziendale ma cerca almeno di partecipare ad una sfida settimanale occasionalmente. Così potrai lavorare su qualcosa di reale e provare nuove cose.

Continuare a imparare. Guarda i tutorial, segui corsi informali o leggi libri. Qui ci sono un paio di cose che possono tornarti utili: la guida “Michael Allen’s Guide to e-Learning”, o “How People Learn” di Julie Dirksen, e di Jane Bozarth “Show Your Work”. Questi sono buoni libri che insegnano la progettazione di un corso, come le persone imparano, e il valore di essere collegato e mostrare ciò che si fa agli altri, tutti ottimi spunti per quelli che stanno iniziando e che vogliono anche costruire le proprie abilità.

 

Quali sono per te le cose da mettere in pratica per costruire corsi migliori?
 

 

Traduzione autorizzata tratta dal post originale di Tom Kuhlmann sul “Rapid E-Learning Blog”.

Il post originale è disponibile qui.

Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...