occhio
mosaico_learning_logo
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1
mosaico_logo_elearning
p11
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1

Every day, our brains are bombarded by a barrage of notifications and an onslaught of information and new content to explore and learn Yet we're also subjected to a myriad of variables that distract us.

 

Key data on the use of mobile devices, the internet and social media provide some food for thought: having access to such vast amounts of different tools and information can lead to a strong feeling of cognitive disorientation.

 

There’s a reason for all of this.

What we call the attention curve is the short frame of time when our minds are physiologically able to concentrate on a certain topic and so are primed and ready for successful learning.

Attention sky rockets and peaks in about 7 minutes, and then begins to decrease.

 

Various cognitive psychology theories agree on one thing: if the cognitive load (i.e. the amount of information that our memory has to process within a certain period of time) is too high, it may use up the cognitive resources required to learn and become gridlocked.

 

In light of these studies and theories, this easybook provides some tips to help you learn in the best way possible, stress-free and enthusiastically.

 

With this book you’ll learn:
 

•    The inbuilt mechanisms of your brain that influence learning

•    How to manage cognitive load using two key tools: content segmentation and pacing

•    The 7Minutes solution, the cornerstones when it comes to accessible, micro and mobile online training.

CONTATTACI

Skill Gap: l’arte di trasformare le carenze in forza

2023-07-06 02:22

mosaicoelearning

Digital learning, Best practice, elearning, apprendimento, digital learning, formazione online, training online, Learning and Development, Skill Gap,

Skill Gap: l’arte di trasformare le carenze in forza

In un contesto di cambiamenti, oggi la formazione passa da una nuova cultura capace di trasformare le skill gap in opportunità e benefici per le aziende

Quando parliamo di skill gap, ovvero la carenza di competenze che un’azienda dovrebbe impegnarsi a colmare, di solito pensiamo di risolverla senza sforzi, coprendola con un magico cerotto che chiamiamo formazione. A volte ci inganniamo che tutto questo sia sufficiente, ma ciò che molte aziende ignorano è che questo approccio superficiale, che non è volto a creare una nuova cultura della formazione, rischia di essere controproducente sia per il dipendente che per l’azienda intera. 

Skill Gap: l’arte di trasformare le carenze in forza

Oggi, infatti, si sta cercando di dare un valore aggiunto alle attività di formazione dei dipendenti, che non riguardano più solamente la compliance e la sicurezza, e tutti i reparti Learning & Development (L&D) si stanno impegnando a far fronte a questo cambiamento.  

 

Ma a cosa è dovuto questo cambiamento? 
 

Il periodo del Covid ha rivoltato come un calzino il nostro modo di lavorare e, in generale, l’approccio alla formazione che si è adattato, in questo modo, al progresso digitale e tecnologico che abbiamo vissuto contestualmente: le persone, infatti, adesso preferiscono l’eLearning rispetto all’approccio tradizionale in presenza. Questo ha permesso ai dipendenti di apprezzare sia i benefici della personalizzazione dei corsi eLearning, resi così esperienze memorabili fatte su misura per loro, che l’enorme varietà di formati nei quali è possibile seguirli (video, scenari interattivi, podcast). Senza contare che la maggior parte dei corsi è totalmente accessibile e fully responsive, ovvero fruibile su ogni dispositivo. 

 

Dare ai dipendenti la possibilità di formarsi, in questo modo, sulle abilità per loro rilevanti ai fini di una crescita professionale è fondamentale, per evitare che si manifesti in loro il desiderio di cambiare azienda per trovare nuove opportunità: l’upskilling, infatti, copre i primi posti della classifica sia del “LinkedIn Workplace Learning Report” del 2022, che del “Global Sentiment Survey” di Donald Taylor. Inoltre, spesso l’attività di formazione è destinata solo ai dipendenti più giovani di un’azienda, e ciò va a discapito degli impiegati più anziani: tra gli over 55, il 38% afferma di non aver ricevuto alcuna formazione formale negli ultimi 10 anni.

 

Quindi, solo dopo che tutta l’azienda ha abbracciato questa nuova cultura della formazione, si può passare a definire le strategie migliori volte a colmare le lacune dei dipendenti.

 

Skill Gap: l’arte di trasformare le carenze in forza

Questo è possibile attraverso lo sforzo congiunto di Risorse Umane (HR) e L&D, che devono attenzionare questi tipi di competenze:

  • Competenze fondamentali, inerenti agli obiettivi aziendali;
     
  • Competenze comuni, relative a un determinato tipo di lavoro;
     
  • Competenze specifiche, relative a un determinato ruolo o funzione;
     
  • Competenze di leadership, che contribuiscono alla performance della leadership;
     
  • Metacompetenze, che serviranno per una futura promozione.

 

Esistono strumenti che aiutano ad analizzare le skill gap, come alcune LMS che possono aiutare a identificarle su larga scala, fornendo dati sulle competenze necessarie a un team, o ai singoli individui, attraverso competency frameworks in continuo aggiornamento.
 

Lo scopo di questa analisi è quello di allineare le competenze agli obiettivi aziendali e di permettere una pianificazione strategica a lungo termine, volta a creare una forza lavoro flessibile con competenze intercambiabili, che può includere nuove assunzioni, l’organizzazione di attività formative e il Succession Planning. Ovviamente l’analisi deve essere ripetuta periodicamente perché funzioni.

Tutto questo porta a moltissimi benefici per le aziende: risparmio economico, riduzione del turnover del personale, miglioramento della reputazione del luogo di lavoro e la mappatura completa di tutte le skill necessarie all’azienda per raggiungere il successo a lungo termine.

Integrando la collaborazione tra HR e L&D, da un LMS siamo in grado di ottenere dati più consistenti attraverso i quali si possono suggerire attività per implementare le capacità e la performance dei dipendenti e ricaviamo strumenti che mappano la progressione della carriera e migliorano il processo di mobilità interna. Per esempio, una scarsa performance del settore manageriale, causata da una mancata formazione adeguata, o l’impossibilità di fare carriera possono provocare l’insoddisfazione dei dipendenti.

Skill Gap: l’arte di trasformare le carenze in forza

La collaborazione tra HR e L&D può offrire vantaggi tangibili e significativi sia all’azienda che ai dipendenti:

  1. Assicura che i top talent rimangano all’interno dell’azienda poiché, come già detto, secondo molti dipendenti la principale necessità è quella di avere training specializzato. Se si investe in questo tipo di training, l’azienda ha anche interesse nel far rimanere questo personale al suo interno.
     
  2. Riduce i costi del talent management. Investire in tecnologie che permettono l’integrazione di HR e L&D riduce le spese del training in presenza, il turnover dello staff, le spese delle assunzioni e garantisce, quindi, maggior successo all’azienda.
     
  3. Aiuta a raggiungere gli obiettivi strategici. Condividendo le informazioni in modo più efficiente, attraverso canali di comunicazioni aperti e tecnologici, la forza lavora sarà più unita e più motivata ad essere in linea con la mission dell’intera azienda.
     
  4. Assicura la felicità dei dipendenti, eliminando le cause che portano loro alla volontà di dimettersi: non sentirsi valorizzati, ascoltati e rispettati sia dall’azienda che dai manager.
     
  5. Migliora la reputazione dell’azienda. L’aumento della felicità generale porta i dipendenti ad esternare la loro soddisfazione anche con i clienti e il pubblico, sottolineando così la fiducia che nutrono nei confronti dell’azienda per cui lavorano.
     
  6. Rende competitivi. I dipendenti sposeranno la mission trasmettendo il why aziendale ai clienti in modo efficace: la tua strategia avanzerà in modo più fluido, creando un vantaggio competitivo.

 

In conclusione, l'evoluzione delle strategie di L&D è fondamentale per le aziende che desiderano rimanere competitive in un contesto in continua trasformazione. La transizione verso approcci digitali e personalizzati nella formazione dei dipendenti consente di fornire un valore aggiunto e di soddisfare le esigenze di crescita professionale dei collaboratori. Lo skill gap quindi è, non solo una problematica aziendale da affrontare in maniera strategica, ma un’opportunità da cogliere al volo per sfruttare tutti i benefici che derivano dall’applicazione intelligente e consapevole delle nuove tecnologie a servizio della formazione.

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi!

 

Articulate

Per acquistare o ricevere informazioni sui prodotti Articulate articulate@mosaicoelearning.it
 

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

MOSAICOELEARNING SRL 
VIA DEL MELOGRANO, 77

97100 RAGUSA RG

C.F./P.IVA: 01638210888

09321855211 – 3348437664

DPO

Per qualunque informazione e/o segnalazione riguardante la privacy e la protezione dei dati personali dpo@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

risorsa 13

facebook
instagram
twitter
linkedin

www.mosaicoelearning.it @ All Right Reserved 2022 - Sito Realizzato da Flazio Experience

PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY | MODELLO ESERCIZIO DEI DIRITTI

k2.svg
k1.svg
k4.svg
p2.svg
k5.svg
k3.svg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder