8 domande da farti quando scegli font e formattazione del testo di un corso elearning

8 domande da farti quando scegli font e formattazione del testo di un corso elearning

8 domande da farti quando scegli font e formattazione del testo di un corso elearning

Con migliaia di font tra cui scegliere, selezionare quelli giusti per il tuo progetto elearning può essere una decisione importante. Se non sei vincolato da font aziendali e da regole di stile imposte, potresti essere tentato di diventare creativo e utilizzare alcuni font unici nel tuo design.

Una volta selezionati i font, devi ancora decidere le opzioni di formattazione, ad esempio il colore da utilizzare e se inserire parole in grassetto o sottolineate.

Hai visto? Si tratta di un sacco di decisioni da prendere! E dato che l’aspetto del tuo testo può letteralmente creare o distruggere la capacità dei tuoi studenti di assorbire i tuoi contenuti, tutte queste decisioni sono estremamente importanti. Quindi, come fare per essere sicuri di fare la scelta giusta?

In questo articolo, esamineremo alcune importanti domande da farsi durante la fase di progettazione per assicurarci che il tuo testo abbia un bell’aspetto e migliori la leggibilità per i tuoi studenti.

1. I miei font sono facili da leggere?

Ovviamente, questa è la domanda più importante da porsi. Dopotutto, se gli studenti hanno difficoltà a leggere il testo sullo schermo, questo ostacolerà la loro capacità di comprenderne il contenuto.

Quando prendi in considerazione un font, prova a digitare alcune frasi per vedere se il testo è chiaro e facile da leggere. Preferisci i font con lettere a stampatello chiare che sono facili da comprendere rispetto ai font corsivi fantasiosi che sono difficili da leggere.

Dai un’occhiata a questo esempio per vedere l’impatto che uno stile di font può avere sulla leggibilità.

Font corso elearning

2. Il mio testo è abbastanza grande?

Quando hai molto contenuto di testo, sei tentato di ridurre la dimensione del font per farlo entrare tutto su una diapositiva. Ma più piccolo è il testo, più è difficile da leggere… naturalmente non vuoi che i tuoi studenti affatichino gli occhi quando seguono il tuo corso.

Quindi, quando piccolo è troppo piccolo? La maggior parte dei web designer concordano sul fatto che un font di dimensioni al di sotto dei 12 punti (16 pixel) è troppo piccolo ed è meglio optare per 16 punti (21 pixel). Sei sorpreso? Allora dai un’occhiata all’esempio qui sotto.

L’esempio a sinistra ha un titolo con un font di dimensioni 14 e il corpo del testo di dimensioni 12. Quello a destra ha un titolo di dimensioni 40 e il corpo del testo di dimensioni 18.

Qual è più facile da leggere?

Font corso elearning 2

Se sei abituato a realizzare corsi elearning con font di dimensioni 9 o 10, potresti trovare difficile passare alla dimensione 16 o superiore, ma una volta fatto, noterai quanto sia più facile leggere il testo.

L’utilizzo di una dimensione del font più grande rende i tuoi corsi più facili da leggere per tutti, compresi gli studenti ipovedenti.

 

3. Il colore del mio testo risalta abbastanza dallo sfondo?

Un’altra cosa da considerare è se il colore del testo risalta abbastanza dallo sfondo. Se il colore del font e lo sfondo non hanno un contrasto sufficientemente elevato, può rendere difficile la lettura del testo. Dai un’occhiata a questo esempio:

Font corso elearning 3

Vedi quanto è più difficile leggere il testo di sinistra rispetto a quello di destra? L’unica differenza è il colore.

Se non sei sicuro di avere abbastanza contrasto fra il testo e lo sfondo, prova a utilizzare un’applicazione per l’analisi del contrasto del colore (come questa) per individuare il rapporto di contrasto e decidere se è abbastanza alto.

Secondo gli standard WCAG, il rapporto di contrasto tra il colore del testo e il colore dello sfondo deve essere almeno 4,5:1 per il testo di piccole dimensioni (font minore di 14 grassetto o 18 normale) e 3:1 per il testo di grandi dimensioni (font maggiore di 14 grassetto o 18 normale). Detto questo, è meglio scegliere per un rapporto di contrasto pari a 7:1 per testo piccolo e 4,5:1 per il testo più grande. In questo modo soddisferai i criteri WCAG avanzati e ti assicurerai che la stragrande maggioranza dei tuoi discenti potrà leggere le slide senza dover utilizzare la tecnologia di miglioramento del contrasto.

 

4. La formattazione rende il mio testo difficile da leggere?

Se stai cercando un modo per far risaltare il testo, potresti essere tentato di usare il corsivo o inserire sottolineature. Oppure potresti pensare che visivamente il tuo testo sia più ordinato se messo centrato o giustificato. Lo sapevi che scelte come queste potrebbero rendere più difficile la lettura?

Dai un’occhiata agli esempi qui sotto:

Font corso elearning 4

Vedi la differenza che può fare la formattazione del testo quando si tratta di leggibilità? Analizziamo ulteriormente queste scelte di formattazione del testo:

  • Testo sottolineato. Oltre ad essere difficile da leggere, il testo sottolineato può confondere gli studenti. Questo perché il testo sottolineato di solito indica un collegamento ipertestuale cliccabile. Quindi, a meno che il testo non sia un collegamento, è meglio evitare di sottolinearlo.
  • Testo in corsivo. Il testo in corsivo è più difficile da leggere perché le lettere hanno linee frastagliate, non diritte. Invece di usare il corsivo, prova a mettere il testo in grassetto. Il testo in grassetto attira l’attenzione sul testo senza ridurne la leggibilità.
  • Allineamento del testo. Il testo centrato è più difficile da leggere perché il punto iniziale di ogni riga è diverso, il che richiede uno sforzo maggiore ogni volta che gli studenti passano alla riga successiva. Il testo giustificato può sembrare carino, perché i lati sinistro e destro coincidono, ma è anche più difficile da leggere, poiché la spaziatura tra le parole non è uniforme. Per questi motivi, è meglio optare per il testo allineato a sinistra.

5. Il font scelto è appropriato per l’argomento?

Quando scegli gli stili dei font per il tuo corso, assicurati di considerare sia il tuo pubblico che l’argomento del corso che stai costruendo. Un font scherzoso che simula la scrittura a mano potrebbe funzionare bene per contenuti dal tono casual, ma non tanto in un corso su un argomento più serio.

Riuscite a immaginare un corso indirizzato a personale sanitario, realizzato utilizzando i font a sinistra nell’immagine qui sotto?

Font corso elearning 5

Il font stravagante non ha molta attinenza con l’argomento. I font sulla destra danno l’idea di un argomento più serio e più allineato al tema dell’assistenza sanitaria.

6. I miei font si completano a vicenda?

È importante scegliere font che funzionino bene insieme. Non esiste un modo definitivo per combinare e abbinare i font. Si tratta spesso di provare diverse combinazioni finché non se ne trova una che sembra buona. Un consiglio per garantire che i tuoi font si bilancino a vicenda è scegliere un font più spesso per i titoli e uno elegante e semplice per il corpo del testo.

Nell’immagine qui sotto noterai che l’esempio a sinistra utilizza due font spessi, rendendo difficile distinguere l’intestazione dal corpo del testo.

Font corso elearning 6

È una buona idea analizzare i font che stai utilizzando e considerare se si bilanciano a vicenda. I tuoi titoli risaltano? Questo è importante perché vuoi che i titoli catturino l’attenzione degli studenti.

7. Sto usando troppi font?

È buona norma attenersi a un massimo di due o tre tipi di font durante il corso. Ciò ti consente di scegliere un font per l’intestazione, uno per il corpo del testo ed eventualmente un terzo per citazioni o didascalie.

L’uso di due o tre font durante l’intero corso mantiene il visual design pulito e coerente. Un uso di troppi font renderà il tuo corso caotico e disorganizzato.

Dai un’occhiata a questo esempio:

Font corso elearning 7

E ora guarda questo:

Font corso elearning 8

Vedi quanto sembra più coeso il secondo esempio? Invece di usare quattro font diversi, ne usa solo due: uno per i titoli e uno per il resto.

8. I miei font vanno bene se usati in più lingue?

Se hai intenzione di tradurre o localizzare i contenuti, questa è una considerazione importante. Alcuni font non hanno i caratteri speciali e i simboli necessari per visualizzare il testo in altre lingue. Se hai intenzione di tradurre i tuoi corsi, considera questo aspetto in anticipo quando effettui la selezione dei font e prova le varie soluzioni per assicurarti che tutti i simboli e i caratteri di cui hai bisogno siano disponibili.

Ad esempio, alcuni font non hanno il carattere “ç” utilizzato in francese. In tal caso, spesso verranno inseriti nello stesso carattere ma in un altro font, come mostrato di seguito:

Font corso elearning 9

Questo è in realtà lo scenario migliore! A volte può capitare che il carattere venga sostituito con un’altra lettera o simbolo, comeo □.

Quindi, questo scenario potrebbe essere tutt’altro che ideale! Ecco perché è importante assicurarsi che i font scelti supportino tutti i caratteri speciali necessari per le lingue in cui si intende localizzare il corso. Per fortuna la maggior parte dei font specifica le lingue supportate nella descrizione, quindi è abbastanza facile fare un controllo prima di iniziare lo sviluppo.

Conclusioni

La prossima volta che devi decidere quali font utilizzare per il tuo corso o come formattare il testo, poniti queste otto domande. Questa analisi contribuirà notevolmente ad aiutarti a fornire un corso pulito, snello e facile da leggere.

Per ulteriori suggerimenti, dai un’occhiata a questi articoli:

 

 

Traduzione autorizzata tratta dal post originale su E-Learning Heroes. Il post originale è disponibile qui.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi!

What's Your Reaction?
Exited
0
Happy
0
In love
0
Not happy
0
Not sure
0

© MOSAICOELEARNING SRL  |  PIVA: 01638210888   |  PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY

Artwork: SiQuis.it

Scroll To Top