Come Non Avere Successo con l’E-Learning

 

Nel mondo di oggi l’elearning costituisce una parte importante della formazione e dell’aggiornamento dei lavoratori. Alcune aziende ne fanno un uso esclusivo, altre lo accostano ad altre attività di formazione.

Articulate Rapid E-Learning Blog - How to fail at elearning

Ci sono parecchie strategie che si possono attivare per creare un programma elearning di successo, ma qui di seguito sono riportate alcune modalità fallimentari, che ti faranno solo perdere parecchio tempo e denaro.

Strutturare un Corso non Rispondente alle Necessità Formative degli Studenti

Una delle lamentele ricorrenti che sento da persone che devono seguire corsi elearning a lavoro, è che il corso è assolutamente irrilevante rispetto ai loro bisogni formativi. Ciò solitamente accade per alcune ragioni:

  • L’approccio shotgun alla formazione. Sappiamo come funziona. L’azienda ha una serie di corsi che si devono svolgere entro la fine dell’anno. Non importa se sei già una persona etica o se non sei un molestatore, devi comunque seguire questi corsi al di là delle tue esigenze e, quando hai delle esigenze, il corso non viene strutturato su di esse. Esso viene strutturato su un approccio generalista che resta largamente irrilevante e non calza con le reali necessità.
  • Troppa attenzione sulle informazioni. Se vuoi imparare ad usare il tuo software elearning, ti mostrerò alcuni tutorials. Vuoi diventare un instructional designer più bravo? Eccoti alcuni testi interessanti. Vuoi imparare di più sull’elearnig? Guarda questa conferenza. Come un industria, siamo bravi a fornire informazioni, ma l’informazione è solo una parte del processo formativo.
  • Azione non richiesta. L’informazione è importante, ma l’apprendimento reale scaturisce solo quando questa informazione viene applicata in un contesto rilevante ai bisogni del discente. Costruite un corso che faccia mettere in pratica agli studenti ciò che stanno apprendendo, e date loro il feedback appropriato.

Costruire Corsi Che Fanno Perdere Tempo

Divido sempre i miei corsi in due secchi: informazioni e performance. Comincio col chiedere al cliente cosa si aspetta che lo studente faccia dopo aver completato il corso. In realtà in molti casi, i clienti non hanno una precisa idea dei risultati che si aspettano. In questi casi, provo a spiegare loro l’inutilità di costruire un corso che non ha alcuno scopo predefinito

Articulate Rapid E-Learning Blog - two types of elearning courses

Tuttavia, ciò non funziona sempre. Inoltre una gran parte della formazione obbligatoria non mira a cambiare le performance, quanto piuttosto a certificare la comprensione, dove l’unico obiettivo è quello di mettere un segno di spunta accanto al proprio nome alla fine dell’anno.

Se questo è ciò che il cliente vuole, costruirò il corso migliore al costo minore possibile.  Tali corsi tenderanno alla semplicità, saranno lineari e facilmente navigabili. Non c’è necessità di perdere altro tempo. Se invece il cliente ha chiari gli obiettivi in termini di performance, in quel caso costruirò un corso appropriato ad incontrare le sue esigenze. Questo genere di corsi prendono parecchio tempo e richiedono uno dispendio maggiore in termini di energie.

Ecco quando si spreca il tempo:

  • Quando si costruiscono corsi di formazione basati su elaborati. Tutto ciò di cui l’azienda ha bisogno è un segno di spunta alla fine dell’anno, ma il progettista del corso costruisce uno scenario complesso e interattivo, che non aggiunge valore ma prende più tempo per essere realizzato e per essere fruito dai discenti.
  • Quando si costruiscono corsi di formazione basati su semplici informazioni e si sta realmente cercando di cambiare le prestazioni. In questi casi, la maggior parte delle informazioni è già disponibile per il discente attraverso altre fonti.

Da un alto il corso è sovradimensionato per un obiettivo semplice. Dall’altro lato quando si hanno delle reali necessità, il corso risulta troppo semplice.

La chiave è capire le aspettative e gli obiettivi così da costruire il miglior corso senza disperdere le proprie limitate risorse.

Costruire un Corso che Sembra Cacca

Quando ero ragazzino, andavamo alla scuderia e riempivamo la pala di un camion di letame di cavallo.  Poi mio padre lo mischiava con il compost in modo che potessimo avere un giardino fertile. Ecco, quando si tratta di visual design ed elearning, ci sono due tipi di cacca.

Quella buona (CRAP), deriva dall’acronimo reso celebre dal designer Robin Williams:

  • Contrasto: elementi che si differenziano e migliorano la comunicazione, rendono più facile ravvisare le relazioni tra i diversi elementi sullo schermo
  • Ripetizione: ripetere gli elementi presenti sullo schermo e le linee grafiche, aiuta a definire le relazioni, a mantenere la coerenza e la coesione
  • Allineamento: quando gli elementi sullo schermo sono allineati sono connessi; il modo in cui gli elementi sono distanziati permette una migliore comprensione e comunicazione
  • Vicinanza: la vicinanza di un oggetto ad un altro ne determina significato e  relazione; più lontani sono l’un l’altro due elementi, maggiore è la differenza che li distingue

Questa è la roba buona e fondamentale per la comunicazione. Pensate a ciò come al compost fertile per lo sviluppo della progettazione del corso. Poi c’è l’altro tipo di cacca. Non voglio entrare nei dettagli, ma la riconosciamo quando la vediamo.

Articulate Rapid E-Learning Blog - visual design elements for elearning courses

Diciamo sempre che “Non si può giudicare un libro (o un DVD) dalla copertina”. Ma con una buona copertina si può invogliare la gente. Essa cattura l’interesse e può aiutare ad impostare le aspettative. Lo stesso si può dire per l’elearning design. Anche se stai costruendo un corso semplice, puoi comunque renderlo bello. Utilizza tecniche di sound e visual design per strutturare una immagine che si sposi con il contesto del tuo corso.

La ragione per la quale tendiamo a non giudicare il libro dalla copertina, è che con il tempo ci siamo resi conto che le copertine più belle creano delle aspettative che non vengono rispettate nei contenuti. Ciò accade anche con l’elearning. Un bel corso non è l’obiettivo ultimo, per questo i primi due punti sono importanti.

Quindi se vuoi fallire , costruisci corsi irrilevanti che fanno perdere tempo e hanno un brutto aspetto.
Oppure, puoi evitare il fallimento comprendendo gli obiettivi dell’azienda, i bisogni degli studenti, e costruendo un gran bel corso che sia appropriato agli oggetti di studio.

 

Traduzione autorizzata tratta dal post originale di Tom Kuhlmann sul “Rapid E-Learning Blog”

Il post originale è disponibile qui

What's Your Reaction?
Exited
0
Happy
0
In love
0
Not happy
0
Not sure
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© MOSAICOELEARNING SRL  |  PIVA: 01638210888   |  PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY

Artwork: SiQuis.it

Scroll To Top