Come usare al meglio i modelli di corsi E-learning

I modelli di corsi elearning possono essere un po’ complicati da usare, perché da un lato, accelerano la produzione, ma dall’altro possono introdurre vincoli nella progettazione dell’esperienza di apprendimento.

Una slide di un corso elearning ha una struttura specifica. La disposizione degli elementi (testo, immagini, video, ecc…) può variare e le possibilità per i layout possono essere infinite, ma probabilmente ci sono solo poche decine di modelli che possono essere usati per i corsi elearning.

In questi articoli abbiamo discusso dei modelli di corsi elearning e di come ottenere il massimo dai modelli.

Il valore dei modelli di corsi elearning

I modelli funzionano se usati per processi ripetitivi perché possono essere riutilizzati più volte. Ad esempio, la maggior parte dei corsi ha una sorta di elenco di obiettivi di apprendimento. Mentre il contenuto del corso può cambiare, quelle schermate del corso sono generalmente uguali.

I vincoli dei modelli di corsi elearning

I corsi consistono in contenuti contestuali, che creano un’esperienza di apprendimento, dove il contenuto ha dei requisiti di insegnamento specifici. Ad esempio, se insegno come utilizzare un certo software, le slide dipendono dalle schermate dell’app. Mentre, se insegno come interagire con un cliente, il contenuto formativo è meglio rappresentato in un contesto che riprenda quello reale di interazione con il cliente.

È pur vero che è possibile elaborare alcuni buoni layout generali adatti a contenuti semplici, ma non appena è necessario personalizzarli con contenuti specifici, scopro che sono necessarie molte modifiche da apportare ai modelli che possono vanificare il lavoro fatto in precedenza per predisporre il modello.

Categorie di modelli di corsi elearning

Personalmente preferisco separare i modelli di corsi elearning in tre categorie:

  •     Slide di apertura
  •     Contenuto del corso
  •     Slide di chiusura

La maggior parte dei corsi hanno delle slide di apertura con schermate di benvenuto, istruzioni, obiettivi, sezioni, ecc. Allo stesso modo le slide di chiusura avranno schermate di riepilogo, passaggi successivi e istruzioni di uscita.

Queste due parti, l’apertura e la chiusura dei corsi, sono perfette per i modelli, perché sono facili da inserire, aggiornare e contestualizzare. Invece, la parte centrale che tratta l’effettivo contenuto del corso sarà, di volta in volta, diversa.

I modelli di corsi elearning per i contenuti sono ideali per semplici slide di testo, ma non funzionano più se il design del contenuto diventa più specifico.

Quindi, non perdere tempo a cercare di personalizzare troppo il contenuto di un modello. O peggio, non creare un modello e forzare gli autori del corso a rendere i contenuti conformi a un modello.

I modelli sono fantastici per la progettazione di corsi elearning e sono utilissimi per risparmiare tempo. Quindi, usare i modelli per slide semplici e che si ripetono è un ottimo modo per usarle. Invece costringere il contenuto ad adattarsi ai modelli probabilmente non lo è.

Quindi usa i modelli nelle slide in cui sono necessari e inizia a lavorare su schermate vuote da personalizzare. Non perdere tempo a montare un piolo quadrato in un foro rotondo.

 

Traduzione autorizzata tratta dal post originale di Tom Kuhlmann sul “Rapid E-Learning Blog”.

Il post originale è disponibile qui.

Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi!

What's Your Reaction?
Exited
0
Happy
0
In love
0
Not happy
0
Not sure
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© MOSAICOELEARNING SRL  |  PIVA: 01638210888   |  PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY

Artwork: SiQuis.it

Scroll To Top