I clienti di un corso elearning

I clienti di un corso elearning

Gabriele Dovis

Gabriele Dovis
CEO di Mosaicoelearning

Quando pensi al tuo prossimo progetto di formazione online, ti fermi a pensare ai tuoi studenti? Oppure guardi solo a te?

La più grande lezione che ho imparato facendo questo mestiere, è che per fare un buon lavoro occorre essere altruisti. Spesso ci fermiamo a pensare ad un corso ed al suo contenuto, chiedendoci se l’esperienza che stiamo creando ci piace oppure no. In realtà, però, questo è un grosso sbaglio. Il nostro occhio dovrebbe essere imparziale e cercare di capire se il progetto sul quale stiamo lavorando incontra i bisogni dei nostri clienti, oppure no. Già, i nostri clienti. Gli studenti!

C’è sempre un momento in cui ti chiedi se il corso che stai producendo ti piace. Lì dovresti fermarti a pensare per un attimo alla risposta. In fondo, è umano chiedersi se qualcosa che si sta facendo produce soddisfazione e felicità. Tuttavia, dopo aver trovato un primo feedback, dovresti espandere i tuoi sensi e guardare non tanto a cosa hai creato, ma piuttosto, per chi lo hai fatto.

I clienti di un corso elearning

Ecco alcune domande utili per cui dovresti avere una buona risposta:

  • Conosci i tuoi futuri studenti?
  • Qual è l’obiettivo del loro training?
  • Devono imparare ad eseguire un’azione o devono ricordare qualcosa?
  • Quanto tempo avranno a disposizione per completare il corso?
  • Da quale dispositivo ed in quale momento avranno accesso al training?

Se hai una risposta chiara e certa ad ognuna di queste domande, le chance di successo del tuo progetto crescono esponenzialmente. E lo fanno ancora di più se ad ogni risposta che hai trovato, sei in grado di associare una conseguenza. Ad esempio, alla terza domanda potrebbe seguire la scelta del tipo di corso da produrre: Information based o Performance based. Nel primo caso, gli utenti saranno chiamati a imparare e memorizzare informazioni. Nel secondo, avranno invece un ruolo più attivo e dovranno effettuare delle scelte che indirizzeranno il loro percorso. In entrambi i casi comunque, andrai a lavorare con uno scopo e con un progetto sensato.

Qual è il rischio in cui puoi incappare se non sei in grado di rispondere a quelle domande fondamentali? Ovviamente, quello di sbagliare progetto. È un rischio che devi cercare di non correre anche perché, come diciamo spesso, nel tuo lavoro hai a che fare con la crescita di altri esseri umani. Quindi, anche dal punto di vista etico, è importante delineare i confini di un’azione formativa che premi il risultato ed il beneficio dell’apprendimento.

Che tu sia, ad esempio, un responsabile della formazione o un progettista didattico, allora, prima di eseguire il tuo prossimo lavoro prova a capire chi sono i tuoi veri clienti: gli studenti. E lavora per loro.

 

Gabriele Dovis
CEO di Mosicoelearning

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi colleghi ed amici usando i tasti social!

What's Your Reaction?
Exited
2
Happy
2
In love
0
Not happy
0
Not sure
0

© MOSAICOELEARNING SRL  |  PIVA: 01638210888   |  PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY

Artwork: SiQuis.it

Scroll To Top