Il principale vantaggio di un corso sviluppato in modalità mobile learning, è che puoi seguirlo sempre e ovunque, purché tu abbia un dispositivo portatile (laptop, tablet, smartphone) e una buona connessione a Internet. Se investi in un LMS offline, i problemi di connettività vengono persino eliminati dall’equazione. Questo, tuttavia, non risolve tutti i problemi. A volte, può persino creare nuove sfide. Queste potrebbero essere inaspettate, come l’incompatibilità con un determinato sistema operativo del telefono, o una violazione dei dati tramite un telefono smarrito o rubato. Quali sono alcuni comuni dis-motivatori dei tuoi discenti e come possono essere corretti?

Ecco 5 insidie ​​comuni per il mobile learning e i suggerimenti per evitarle.

I discenti che usufruiscono del mobile learning sono impegnati

Tutti gli studenti mobile hanno programmi frenetici e sempre in movimento. Flessibilità e portabilità sono tra i motivi per cui scelgono corsi in modalità mobile learning. Inoltre, potrebbero non avere una postazione lavorativa fissa: magari sono operai, autisti, corrieri, o commerciali sempre in giro. Ciò significa che le loro attività offline li tengono piuttosto impegnati, senza considerare le distrazioni derivanti da giochi e social media da smartphone. Per questi discenti devi mantenere le unità di apprendimento brevi in ​​modo che possano finire prima di distrarsi, per poter sfruttare anche quei brevi momenti di apprendimento durante gli spostamenti sui mezzi pubblici verso il posto di lavoro e verso casa. Puoi anche incorporare una libreria di app offline per dare loro un’ampia scelta di formazione on-the-go, per poter accedere a tutorial, video e altri strumenti di supporto da consultare quando ne hanno bisogno.

Il corso elearning non è su misura per dispositivi mobile

Esistono due modi per convertire un normale corso di formazione per essere fruito da mobile. È possibile ottimizzare i contenuti esistenti in modo che si adeguino automaticamente alle dimensioni dello schermo, ma non si tratta solo di ridimensionare. Per i telefoni cellulari, l’orientamento della pagina deve cambiare in verticale. Anche il contenuto della pagina deve ridursi, dando la priorità agli “argomenti mobile”. Ad esempio, qualcuno che studia sul proprio telefono potrebbe essere più interessato agli elenchi che ad un testo lungo. Inoltre, le informazioni sulla missione e visione aziendale sono importanti, ma non così tanto porle cima alla pagina. Possono essere inserite più in basso per evitare distrazioni. Inoltre, sui dispositivi mobile, i pulsanti funzionano meglio di moduli, popup o collegamenti, per via dello spazio ridotto dello schermo. Prendi in considerazione l’idea di investire in uno strumento di authoring elearning responsive che visualizzi automaticamente la migliore versione dei contenuti elearning in base al dispositivo.

Gli studenti mobile hanno sempre le mani impegnate

La formazione in modalità mobile learning dovrebbe durare al massimo 15 minuti. Puoi anche creare lezioni più lunghe, ma non verranno utilizzate così spesso, non sui dispositivi mobile. Nessuno ha il tempo per farlo! Quindi, crea media misti. È possibile offrire una singola lezione sotto forma di 10 minuti di testo o 2 minuti di audio / video. Semplifica la pausa, la riproduzione o il passaggio alla sezione pertinente. Ricorda, i discenti ricevono molti stimoli dall’ambiente che li circonda, rischiando di vedere completamente assorbita la loro attenzione, non avendone più disponibile per recepire nuove informazioni dalla formazione. Per esempio potrebbero essere impegnati al lavoro su un macchinario o essere al volante di un mezzo. Quindi, quando progetti, inserisci dei comandi vocali per il controllo della riproduzione, includendo anche dei buoni auricolari nel kit di formazione mobile, ricordandoti di inserire anche funzioni di muting e sottotitoli.

Gli obiettivi di formazione non sono chiari

Ti è mai capitato di vedere un video e alla fine pensare “Beh, sono 5 minuti della mia vita che non tornerò mai più!”. Il video potrebbe non essere stato di aiuto, o magari era solo sfocato, o sei arrivato alla fine del video / audio senza aver capito quale fosse il punto. Se capitasse ai tuoi discenti mobile potrebbero iniziare ad ignorare anche il resto dei contenuti, ed è uno spreco di tempo. Inizia ogni sessione con un chiaro obiettivo formativo e termina con una verifica del raggiungimento dello stesso, con domande specifiche “sì / no”. Se lo studente mobile risponde negativamente, lascia che tornino alla parte della lezione che ha trattato quell’argomento sviluppando uno strumento di navigazione automatizzato che li porti alla pagina / paragrafo esatto o al minuto preciso nel tuo audio / video.

Il contenuto della formazione non è adeguatamente coinvolgente

Ti è mai capitato di ascoltare la tua canzone preferita o iniziare a vedere un film e poi improvvisamente renderti conto che non stavi prestando pienamente attenzione? Per quanto riguarda le canzoni, è probabilmente un caso di pre-occupazione mentale o fisica: ti sei distratto! Nel caso di un film o di un corso mobile, questi potrebbero non essere stati abbastanza coinvolgenti da attirare la tua attenzione. Utilizza delle heat map o mappe di calore e le prove utente per individuare il punto esatto in cui l’attenzione inizia a calare. Quindi riprogetta il tuo materiale elearning per renderlo più allettante. L’interattività aiuta anche perché allontana i discenti dai loro vagabondaggi mentali e / o situazionali. Infine, assicurati che ogni attività si leghi a un problema o un’attività del mondo reale. Gli studenti mobile hanno maggiori probabilità di impegnarsi se il contenuto della formazione fornisce loro degli strumenti e delle conoscenze di cui hanno bisogno per superare un ostacolo della vita reale.

Sviluppare il tuo corso elearning aziendale per dispositivi mobile va oltre il ridimensionamento delle pagine e l’acquisto di un tablet per tutti. Infatti deve tenere conto del fatto che gli smartphone creano distrazioni di per sé. Inoltre, lo studente mobile ha già un milione di distrazioni offline, poiché impegnati in un’attività che impegna loro le mani. Quindi, per avere successo, sviluppa  lezioni brevi, meno di 15 minuti, per soddisfare i loro orari frenetici, abilita la navigazione ad attivazione vocale, inserisci degli obiettivi chiari fin da subito in ogni unità da verificare alla fine di ogni sessione formativa. Infine, rendi il tuo corso mobile coinvolgente e interattivo, fornendo sempre strumenti di formazione che facilitino l’apprendimento ovunque e in qualsiasi momento.

 

Traduzione autorizzata.  Fonte.

Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi o utilizza i tasti social in alto per condividerlo!

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...