Gabriele Dovis
CEO di Mosaicoelearning

Spesso i progettisti di corsi elearning pescano a piene mani da metodi di apprendimento vecchi tanto quanto l’uomo, come il gioco. Uno di questi è lo storytelling e di tanto in tanto ci si chiede come possa essere innovato.

Ma la domanda di oggi è: serve davvero innovare lo storytelling?

Raccontare una storia è un’arte, un momento di passione, un’emozione.

Una storia:

  • può essere inserita in un momento di intimità (il nonno che racconta la sua giovinezza al nipotino) o in un contesto di gruppo (il coach che motiva i suoi giocatori prima di una partita);
  • può coinvolgere gli occhi e arricchire l’esperienza visiva (sfogliare un fumetto o guardare un film al cinema) oppure sfruttare il canale uditivo (ascoltare una poesia o una canzone);
  • può essere relativamente nuova e consumarsi in poco tempo (il racconto della giornata a lavoro) o trovare le sue radici indietro nel tempo (la storia di un popolo).

In ogni caso però, la storia non può fare a meno di alcuni elementi chiave:

  • inizio, svolgimento con climax, conclusione
  • personaggi
  • lezione

I personaggi, la parte di storia che esaminiamo oggi, sono sicuramente tra gli ingredienti principali. Anzi, spesso sono il centro della storia; è la storia stessa ad essere scritta, immaginata, raccontata intorno ad essi. È con i personaggi che creiamo il filone narrativo della storia, è con i personaggi che sviluppiamo gli intrecci emotivi, è sempre con i personaggi che sveliamo fatti, azioni, conseguenze. Ecco quali sono i più ricorrenti e con quali caratteristiche standard si fondono. Occhio anche agli esempi, ti saranno utili per “rivivere” la storia dalla loro prospettiva.

Eroe/Eroina (protagonista)

Ha sempre uno scopo, che spesso gli si presenta davanti per caso. Le prime pagine della storia servono a contestualizzarne l’ambizione, le difficoltà, il fardello da portare, la forza sociale. Il suo sarà un percorso che si snoderà verso nuove e crescenti difficoltà, che supererà con l’aiuto di personaggi secondari.

Esempi: Harry Potter, Dante, Frodo, Spiderman, Ulisse, Wonder Woman, Mary Poppins, Rossella O’Hara, Dorothy Gale, Lara Croft

La conquista

Identificabile come una persona reale o di fantasia (Peach per Super Mario) o come un obiettivo più concreto (Indiana Jones vuole che i preziosi reperti di cui va spericolatamente in cerca finiscano in un museo), è quella forza che muove il protagonista verso un’avventura ricca di insicurezze e peripezie, che non gli darà relax finchè non sarà stata.. conquistata!

Esempi: La principessa Leia Organa, Peach, Le gambe della sirenetta Ariel, la giustizia di Batman, la distruzione dell’anello.

Antagonista

È spesso un personaggio più astuto, intelligente ed interessante del protagonista e la sua unica missione è rendere vani gli sforzi del protagonista, dato che non ha uno scopo sempre ben delineato. Normalmente è appoggiato da una serie di personaggi secondari facilmente manipolabili e devoti, ma al tempo stesso opposti per determinazione, capacità e furbizia.

Esempi: Gargamella, Norman Bates, Magneto, Scar, Grimilde

 

Saggio / guida

Senza di lui nessun eroe o eroina raggiungerebbe il suo scopo. Questa figura, di norma di età superiore al protagonista, ha sempre un buon consiglio da elargire, un’esperienza da condividere, e può persino arrivare a sacrificarsi per il bene della causa (come Gandalf o Obi-Wan). Spesso è una figura che non ha più molto da chiedere alla vita: eremita, burbero, che riscopre il piacere di vivere sposando una causa più grande di lui, del protagonista e dell’intera banda devota alla missione

Esempi: Yoda, Virgilio, Alfred per Batman, Gandalf, Obi-Wan Kenobi

Comico

È importante almeno tanto quanto il saggio, dato che il suo ruolo è quello di distrarre consapevolmente il lettore/ascoltatore/spettatore distogliendo temporaneamente l’attenzione dalla storia e alleggerendo quindi la tensione emotiva. Spesso è protagonista di una storia nella storia che finisce con l’essere centrale anche ai fini del tema principale (il suo apporto spesso casuale finisce con il generare il principio di una reazione a catena che porterà alla soluzione del problema del protagonista, o diventerà il suggerimento casuale che sbroglia la matassa: hai presente la classica battuta “Aspetta.. Aspetta.. Cosa hai detto? Ma certo, come ho fatto a non pensarci prima?!”).

Esempi: I pinguini di Madagascar, R2D2 + C3PO, gli Hobbitt, Steve Stifler, il geometra Filini

 

Animale / guida

Rappresentato al livello più alto dai Daimon, gli animali guida che secondo Philip Pullman rappresentano la manifestazione fisica dell’anima di un individuo, gli animali sono quasi sempre presenti nelle storie e hanno il ruolo di creare empatia con il lettore o spettatore. Spesso il loro carattere e la loro fisionomia sono pensati per accompagnare il protagonista, di cui sembrano essere una copia cui manca solo la parola. Alleati preziosi, non di rado aiutano anche fisicamente il protagonista, sconfiggendo con la forza o l’astuzia un antagonista secondario (es. guardie o altri animali nemici)

Esempi: Il gufo di Harry Potter, il cane Einstein di Ritorno al futuro, Pluto, Tequila e Bonetti, i dinosauri, Jack la scimmia di Capitan Barbossa

 

Come vedi quindi, quasi tutte le storie più famose – indipendentemente dal canale di rappresentazione, dall’epoca in cui sono state pensate, dalla lunghezza, dal tema, dall’importanza storica – condividono il carattere dei personaggi e la loro evoluzione narrativa.

Fanno eccezione alcune storie, che per questo potrebbero effettivamente essere definite “innovative”. Una di queste riguarda la saga di Star Wars. A primo impatto potresti pensare che il protagonista sia Luke Skywalker (sapevi che avrebbe dovuto chiamarsi Starkiller?). In realtà però, guardando con attenzione la storia iniziale ed i capitoli successivi della trama, sarà sempre più evidente che il protagonista è altresì Darth Vader, che con la storica battuta “Luke, io sono *** *****” creerà uno dei più famosi shock nella storia dello storytelling. In ognuno degli episodi dell’epopea spaziale, si assiste alla nascita, ascesa, declino, fine e rinascita di quello che è il cattivo immaginario, forse, più famoso della storia.

E tu, stai scrivendo la tua prossima storia per un corso elearning? Che personaggi inserirai?

 

Gabriele Dovis
CEO di Mosaicoelearning

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi colleghi ed amici usando i tasti social!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...