Come Usare lo Storytelling per Migliorare un Corso E-Learning

Erano le 10:00 di un Lunedì mattina. Con gli occhi spalancati e con il fiato sospeso ho atteso il mio ultimo incarico. “Che cosa sarà questa volta?”, Mi sono chiesto. “Come posso avere un impatto sulla vita delle persone questa volta?”. Non ho dovuto aspettare a lungo. Ho ricevuto il mio incarico, sono saltato dalla sedia e balzai di gioia per quello che stavo per intraprendere.

tell-story-used-storytelling-enhance-training-r100

Va bene, forse non è successo proprio così, ma ero abbastanza entusiasta della mia ultima sfida di Instructional Design. Mi è stato chiesto di prendere uno dei nostri più antichi programmi “che si leggono tutti d’un fiato”, “Comunicazioni sul lavoro”, per rivederlo e renderlo più accattivante e divertente. E ho pensato allo storytelling.

Il vecchio programma avevi tre problemi principali:

  •      Era di un colore monotono.
  •      Conteneva molto poca interattività.
  •      Non conteneva alcuna attività pratica per lasciare che gli allievi applicassero ciò che avevano imparato.

Esso si presentava così:
Ho partecipato recentemente a diversi webinar ospitati da Dr. Ray Jimenez, l’ultimo dei quali era “creare storie eccitanti per l’apprendimento immediato”. Ho pensato, quale modo migliore per portare un programma di formazione sulla comunicazione in vita oltre che aggiungere un po’ di storytelling? Quindi, questo è esattamente quello che ho fatto.

Il mio concetto era semplice. Ho creato uno sfondo usando l’immagine di una bacheca all’interno di PowerPoint e poi ho inserito diversi oggetti (alcuni biglietti sportivi, immagini, note, un menu, ecc). Ogni volta che un tirocinante faceva clic su un elemento in bacheca, viene visualizzata una storia legata a quella oggetto. Ogni storia aiuta a insegnare un concetto distinto circa la corretta comunicazione sul posto di lavoro.

Allora, perché ho usato la narrazione in ogni capitolo? Come ho imparato da Dr. Jimenez, le storie aiutano a rendere attraente per i tirocinanti il contenuto, fornendo rilevanza e contesto. Nessuna delle mie storie riguardavano l’industria o la società cliente; infatti ho usato storie di tutti i giorni per raggiungere il mio scopo.

Per esempio, in una storia il protagonista è un ragazzo che, per scherzare con i suoi amici, non ascolta il suo allenatore che stava indicando l’orario del bus del giorno successivo per una importante partita. Successivamente, perde il bus a causa della barriera di comunicazione che ha creato da solo per mancanza di attenzione. In un’altra storia, un cameriere non riesce a capire il motivo per cui la sua mancia era così bassa nonostante il folto gruppo di commensali. Non si rende conto che la sua comunicazione non verbale, il suo cipiglio, li induce a pagare solo una piccola mancia. Ognuna di queste storie è di forte impatto perché crea empatia nei tirocinanti mentre la leggono; il che crea più valore per la formazione sottostante per quanto riguarda una corretta comunicazione che soddisfa la “Cosa c’è in esso per me?” (WIIFM).

Per ovviare alla mancanza di interattività nel programma originale, ho incluso quiz e giochi, alla fine di ogni sezione che legava di nuovo ai principali punti trovati all’interno di quella sezione. Il capitolo finale del programma è costituito da scenari con cui il tirocinante deve esercitarsi per mettere in pratica le tecniche di comunicazione che ha imparato all’interno del programma. Ho anche regolato il test finale per inserire domande per lo più basate su scenari in modo che l’applicazione di quanto appreso può essere dimostrato dai tirocinanti.

Come finisce la mia storia? Ho creato l’impatto che volevo per i miei allievi? Ho aggiunto rilevanza alla formazione che mancava nell’originale utilizzando le storie? Sì l’ho fatto, e siamo tutti migliori comunicatori come risultato. Le persone che hanno seguito la formazione originale e l’avevano poi dimenticata perché non era così memorabile ora stanno mettendo in atto ciò che hanno imparato nel programma riveduto e comunicano con rinnovato scopo. Tutto a causa di “posso raccontarti una storia?”.

 

Traduzione autorizzata. Fonte.

Ti è piaciuto questo articolo? Segnalalo ai tuoi colleghi o utilizza i tasti social in alto per condividerlo!

What's Your Reaction?
Exited
0
Happy
0
In love
0
Not happy
0
Not sure
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© MOSAICOELEARNING SRL  |  PIVA: 01638210888   |  PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY

Artwork: SiQuis.it

Scroll To Top