occhio
mosaico_learning_logo
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1
mosaico_logo_elearning
p11
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1

Every day, our brains are bombarded by a barrage of notifications and an onslaught of information and new content to explore and learn Yet we're also subjected to a myriad of variables that distract us.

 

Key data on the use of mobile devices, the internet and social media provide some food for thought: having access to such vast amounts of different tools and information can lead to a strong feeling of cognitive disorientation.

 

There’s a reason for all of this.

What we call the attention curve is the short frame of time when our minds are physiologically able to concentrate on a certain topic and so are primed and ready for successful learning.

Attention sky rockets and peaks in about 7 minutes, and then begins to decrease.

 

Various cognitive psychology theories agree on one thing: if the cognitive load (i.e. the amount of information that our memory has to process within a certain period of time) is too high, it may use up the cognitive resources required to learn and become gridlocked.

 

In light of these studies and theories, this easybook provides some tips to help you learn in the best way possible, stress-free and enthusiastically.

 

With this book you’ll learn:
 

•    The inbuilt mechanisms of your brain that influence learning

•    How to manage cognitive load using two key tools: content segmentation and pacing

•    The 7Minutes solution, the cornerstones when it comes to accessible, micro and mobile online training.

CONTATTACI

L'E-Learning e lo Storytelling al Top: i Consigli della Pixar

2014-04-20 12:29

mosaicoelearning

Digital learning, Trend, Storytelling, steve Jobs, interattività, jobs, slide, www.articulatestudio.it, Scenari, George Lucas, role play. simulazione,

avatarblog3-.jpg

Quando si tratta di creare una grande storia, combinarla con grandi personaggi e tecnologia, scusaci E-Learning, ma la Pixar è un giro di pista davanti a te.


Perché parliamo della Pixar? Perchè ha condiviso una lista di suggerimenti per creare dell’ottimo Storytelling. Ah ecco, ora ci siamo..


Ma quali e quanti di questi suggerimenti possono essere usati per fare dell’elearning qualcosa di  migliore?


pixarwallpaper-.jpg

Quando abbiamo letto le


22 regole dello storytelling secondo la Pixar

, scritte da Emma Coats, una animatrice Pixar sin dagli albori dell’azienda, sotto Steve Jobs, i parallelismi con l’elearning ci sono subito saltati agli occhi in un buzz (Lightyear).


Ne abbiamo scelto qualcuna, e l'abbiamo quindi applicata al nostro campo: l'elearning:


#4: C’era una volta ___. Ogni giorno, ___. Un giorno ___. E così, ___. A causa di ciò, ___. Fino a quando ___.In e-learning

: Ne abbiamo già parlato quando abbiamo detto : devi costruire una storia. Come quelle che leggevi da piccolo/a, con tutti gli aspetti di una storia: il contesto, l’eroe, i protagonisti, i cattivi, il saggio, etc.


#5: Semplifica. Focalizza. Combina i personaggi. Salta le deviazioni. Ti sentirai come se stessi perdendo qualcosa di prezioso, ma ti sentirai libero.In e-learning

: Troppo spesso la storia in uno scenario e-learning somiglia ad un film esagerato. Con troppi personaggi e troppi obiettivi di apprendimento spremuti in un lasso di tempo troppo breve. Le persone che fanno film lavorano così. Perché dovremmo farlo noi?


#6: Cosa sa fare bene il tuo personaggio principale? Costruisci il suo esatto opposto e mettili in competizioneIn e-learning

: C’è sempre qualcuno con cui fare identificare gli studenti. Può essere il personaggio principale della storia, che per esempio può istruirne uno meno esperto, oppure essere quello meno esperto che impara dai suoi errori per emulare l’eroe.


#11: Mettere giù le cose su carta ti aiuta a finssarle. Se tieni un’idea per te, nella tua mente, non la condividerai mai con nessuno.In e-learning:

Da anni diciamo che progettare un corso elearning è più difficile a dirsi che a farsi. Il rapid elearning ci permette di muoverci in avanti, portando la nostra idea nel Mondo reale, di fronte ad un Subject Matter Expert (esperto in materia), per capire cosa non va bene e come renderla perfetta per una trasposizione nella Vita reale.


disney-pixar-characters-wallpaper-5-copy-.png

#13: I tuoi personaggi hanno delle opinioni. Personaggi passivi o malleabili possono piacerti al momento di progettare, perché semplificano tutto, ma sono veleno per il tuo pubblico (gli studenti)In e-learning:

Portate i vostri personaggi a guardare in faccia gli studenti. Stiamo cercando di rendere le cose reali, non semplicemente “carine” e piacevoli. State facendo uno scenario su come migliorare un servizio assistenza per i clienti? Sarà bene avere a che fare con qualche cliente fastidioso. Altrimenti l’apprendimento non sarà mai simile alla Vita reale.


#14: Perché devi raccontare QUESTA storia? Qual è la convinzione che brucia dentro di te e di cui la tua storia si nutre? E’ il suo cuore.In e-learning:

Ci sono molte storie che puoi raccontare, viaggi dentro cui puoi far muovere gli studenti. Ma il tempo è poco ed i soldi pure.


Quale problema stiamo cercando di risolvere? E’ davvero questo l’argomento, lo scopo che ci permetterà di creare una grossa differenza tra le conoscenze attuali degli studenti, e quelle che avranno dopo aver frequentato il corso?


Potete chiamarlo scopo, obiettivo, performance consulting, o come vi pare. Si tratta semplicemente di andare dritti al cuore della storia che volete raccontare.


#15: Se tu fossi stato il personaggio principale, in questa situazione, come ti saresti sentito? Rendi credibili situazioni incredibiliIn e-learning:

Immedesimarsi nei vari ruoli può aiutarti a rendere le storie più credibili, così da renderle veramente utili nella Vita reale. Immedesimati nei personaggi, ma anche nel tuo pubblico. Come ti comporteresti se fossi uno studente? Riterresti credibile il corso, lo scenario che stai guardando?


#20: Esercitati: prendi ad esempio tutte le cose che non ti piacciono di un film. Come le cambieresti, per fartele piacere?In e-learning

. Inizia a criticare i lavori che vedi. Cosa ti è piaciuto? E cosa avresti fatto in modo diverso, cosa secondo te non funziona? Fallo con il lavoro altrui, ma anche con quello che hai già fatto tu.


 


L'articolo prende in parte spunto da


Better E-Learning - The Pixar way

, di Stephen Walsh


Articulate

Per acquistare o ricevere informazioni sui prodotti Articulate articulate@mosaicoelearning.it
 

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

MOSAICOELEARNING SRL 
VIA DEL MELOGRANO, 77

97100 RAGUSA RG

C.F./P.IVA: 01638210888

09321855211 – 3348437664

DPO

Per qualunque informazione e/o segnalazione riguardante la privacy e la protezione dei dati personali dpo@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

risorsa 13

facebook
instagram
twitter
linkedin

www.mosaicoelearning.it @ All Right Reserved 2022 - Sito Realizzato da Flazio Experience

PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY | MODELLO ESERCIZIO DEI DIRITTI

k2.svg
k1.svg
k4.svg
p2.svg
k5.svg
k3.svg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder