occhio
mosaico_learning_logo
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1
mosaico_logo_elearning
p11
Ecco il modo migliore per realizzare il peggior corso E-learning 1

Every day, our brains are bombarded by a barrage of notifications and an onslaught of information and new content to explore and learn Yet we're also subjected to a myriad of variables that distract us.

 

Key data on the use of mobile devices, the internet and social media provide some food for thought: having access to such vast amounts of different tools and information can lead to a strong feeling of cognitive disorientation.

 

There’s a reason for all of this.

What we call the attention curve is the short frame of time when our minds are physiologically able to concentrate on a certain topic and so are primed and ready for successful learning.

Attention sky rockets and peaks in about 7 minutes, and then begins to decrease.

 

Various cognitive psychology theories agree on one thing: if the cognitive load (i.e. the amount of information that our memory has to process within a certain period of time) is too high, it may use up the cognitive resources required to learn and become gridlocked.

 

In light of these studies and theories, this easybook provides some tips to help you learn in the best way possible, stress-free and enthusiastically.

 

With this book you’ll learn:
 

•    The inbuilt mechanisms of your brain that influence learning

•    How to manage cognitive load using two key tools: content segmentation and pacing

•    The 7Minutes solution, the cornerstones when it comes to accessible, micro and mobile online training.

CONTATTACI

Come è cambiato il lavoro da remoto 4 anni dopo la sua improvvisa ascesa?

2024-07-17 09:00

mosaicoelearning

Digital learning, Trend, mosaicoelearning, telelavoro, trend, smart thinking , smart working,

Come è cambiato il lavoro da remoto 4 anni dopo la sua improvvisa ascesa?

Sintesi: Quattro anni dopo la sua improvvisa ascesa, lo smart working ha assunto una vita propria, diventando parte integrante del mercato del lavoro

Sintesi: Quattro anni dopo la sua improvvisa ascesa, lo smart working ha assunto una vita propria, diventando parte integrante del mercato del lavoro moderno. Leggi questo articolo per scoprire la storia del lavoro a distanza e la sua evoluzione negli ultimi anni,

mosaico-smart-working.jpeg

Quali sono i cambiamenti più rilevanti dello smart working negli ultimi 4 anni?

Circa quattro anni fa, nel marzo 2020, la pandemia COVID-19 ha cambiato completamente il mercato del lavoro per come lo conoscevamo. Da un momento all'altro, i dipendenti sono stati catapultati fuori dall'ufficio in un mondo professionale virtuale che molti non avevano mai sperimentato prima. Anche se questa crisi sta per finire e le cose stanno tornando alla normalità, sembra che il lavoro a distanza sia diventato un elemento integrante del mercato del lavoro moderno, destinato a rimanere. Diamo uno sguardo all'evoluzione e ai principali cambiamenti dello smart working che hanno rimodellato i settori e posto le basi per il futuro. 

Breve storia del telelavoro 

Prima di parlare dei recenti cambiamenti nel campo del lavoro a distanza, vale la pena ricordare che non si tratta di un concetto nuovo. Piccoli imprenditori, scrittori, traduttori e altri professionisti lavoravano fuori dall'ufficio ben prima della pandemia. Infatti, il termine "telelavoro" è stato coniato già negli anni '70 dall'ingegnere della NASA Jack Nilles. Ma la popolarità dello smart working è cresciuta dopo che i computer sono diventati più accessibili, in particolare tra la fine degli anni '80 e gli anni '90. Da allora, sempre più persone hanno sfruttato i progressi tecnologici del XX e XXI secolo per ridurre o eliminare la necessità di spostarsi.

L'improvvisa ascesa del lavoro da remoto nel 2020

Niente può essere paragonato al boom dei lavoratori da remoto che si è verificato nel 2020. Un'indagine mostra che il numero di lavoratori completamente da remoto negli Stati Uniti è passato dal 17% del 2019 al 44% del 2020. Ciò che sarebbe potuto avvenire naturalmente nell'arco di qualche decennio, considerando il rapido ritmo di evoluzione della tecnologia, è avvenuto quasi da un giorno all'altro, visto che le aziende sono state costrette ad adattarsi rapidamente alle chiusure e ai mandati di distanziamento sociale. L'esistenza di software per videoconferenze e piattaforme di comunicazione interna ha reso possibile questa transizione, anche se i primi mesi sono stati sicuramente una sfida per tutti.

Cambiamenti ed evoluzione del lavoro da remoto

Ora che sono passati quattro anni dalla nascita del lavoro a distanza, cosa è cambiato nella nostra vita quotidiana? Vediamo alcuni cambiamenti nella cultura del lavoro da remoto e come questi stanno ridisegnando il mercato del lavoro.
 

1.Adozione e normalizzazione
Il primo e più evidente cambiamento nel lavoro a distanza è quanto sia diventato ampiamente accettato e persino preferibile dopo quattro anni. Ciò che un tempo era così bizzarro, ovvero non dover fare il pendolare e lavorare a casa utilizzando un computer, oggi è naturale e talvolta persino desiderato dai dipendenti che iniziano un nuovo lavoro. Allo stesso tempo, le organizzazioni hanno adattato le loro politiche e i loro processi per accogliere il lavoro a distanza. Ciò include l'adozione di modelli di lavoro ibridi dopo che è venuta meno la necessità di una distanza sociale, la semplificazione della comunicazione a distanza e la messa a disposizione dei dipendenti di attrezzature e configurazioni ergonomiche per l'home office.
 

2.Cambiamenti culturali nel lavoro a distanza
Il passaggio al lavoro a distanza ha cambiato la vita dei lavoratori in molti modi. Ha dato loro un nuovo senso di flessibilità che ha migliorato in modo significativo l'equilibrio tra lavoro e vita privata. Le ore che non hanno più trascorso a fare i pendolari sono state dedicate alla cura di sé, sotto forma di riposo, esercizio fisico e pasti migliori. Inoltre, ha incoraggiato i leader ad abbandonare i comportamenti di micro management, in quanto sono stati costretti a fidarsi dei loro dipendenti e a lasciarli lavorare con meno supervisione. In questo modo si è gradualmente creata una cultura della responsabilità e della fiducia, che ha permesso ai dipendenti di appropriarsi del proprio lavoro e ai leader di avere più tempo per la pianificazione strategica.

 

3. Progressi tecnologici
Non si può negare che il lavoro a distanza sia tecnologicamente più avanzato rispetto a qualche anno fa. Le piattaforme di videoconferenza si sono evolute per stare al passo con le esigenze dei dipendenti, consentendo loro di utilizzare lavagne in diretta, ospitare eventi virtuali e connettersi da più dispositivi, oltre ad altre funzioni. La comunicazione tra i membri del team è immediata e la condivisione dei file è più facile che mai. Allo stesso tempo, i software di gestione dei progetti tengono aggiornati i dipendenti sull'avanzamento dei vari compiti e progetti, nonostante la distanza. In alcuni settori, gli strumenti VR e AR hanno reso l'ambiente di lavoro remoto più coinvolgente che mai, portando la formazione e la collaborazione dei dipendenti a nuovi livelli.

 

4. Sfide e preoccupazioni

Sebbene il lavoro a distanza abbia un impatto generalmente positivo sulla vita dei lavoratori, ci sono degli aspetti negativi da considerare. I dipendenti a distanza spesso provano una sensazione di isolamento e di stress che non possono facilmente condividere con i colleghi o con i superiori, causando disimpegno e persino burnout. La comunicazione digitale può anche portare all'affaticamento se utilizzata in modo eccessivo. Le organizzazioni stanno agendo contro questo problema implementando giornate senza riunioni o limitando il numero di riunioni giornaliere. In generale, per le aziende con forza lavoro a distanza è fondamentale concentrarsi sul benessere dei dipendenti per contrastarne gli effetti negativi. Tra queste, la realizzazione di attività virtuali di team building, l'offerta di un supporto per la salute mentale e l'incoraggiamento di pause regolari.

Conclusione

Gli ultimi quattro anni hanno portato cambiamenti significativi nello smart working, dal modo in cui lo vediamo ai processi quotidiani. Quella che inizialmente era una risposta di emergenza a un'improvvisa crisi globale si è trasformata in una modalità di lavoro normalizzata e preferita da milioni di lavoratori di tutto il mondo. Il futuro del lavoro a distanza e il modo in cui la tecnologia e i cambiamenti culturali rimodelleranno la sua forma attuale sono ancora da vedere, ma una cosa è certa: è qui per restare.

 

Traduzione autorizzata tratta dal post originale di “eLearning Industry”.

Il post originale è disponibile qui

Articulate

Per acquistare o ricevere informazioni sui prodotti Articulate articulate@mosaicoelearning.it
 

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

Digital Learning

Per richiedere un preventivo su corsi o servizi corsi@mosaicoelearning.it

MOSAICOELEARNING SRL 
VIA DEL MELOGRANO, 77

97100 RAGUSA RG

C.F./P.IVA: 01638210888

09321855211 – 3348437664

DPO

Per qualunque informazione e/o segnalazione riguardante la privacy e la protezione dei dati personali dpo@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Assistenza

Per richiedere assistenza o segnalare malfunzionamenti assistenza@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

Training

Per ricevere informazioni sulle attività di training in aula o online training@mosaicoelearning.it
 

risorsa 13

facebook
instagram
twitter
linkedin

www.mosaicoelearning.it @ All Right Reserved 2022 - Sito Realizzato da Flazio Experience

PRIVACY POLICY  |  COOKIE POLICY | MODELLO ESERCIZIO DEI DIRITTI

k2.svg
k1.svg
k4.svg
p2.svg
k5.svg
k3.svg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder